Igiene e Prevenzione

Molti denti sono ormai persi quando le cause nascoste delle malattie e a loro associate sono diagnosticate troppo tardi. E' per questo che attraverso un programma personalizzato di prevenzione siamo in grado, con la Vostra collaborazione, di effettuare tutte le manovre preventive ed una diagnosi precoce. Istruzione all'igiene orale domiciliare, consigli sull'alimentazione, ablazione del tartaro e lucidatura dei denti, applicazione di sigillanti al fluoro, applicazione di prodotti antibatterici in zone particolarmente a rischio. Col Vostro benestare la segreteria Vi contatterà a scadenze prestabilite per concordare un appuntamento nell'orario da Voi preferito.

Le visite specialistiche di controllo sono sempre gratuite per i partecipanti a questo programma.

Le visite di controllo e la prevenzione, se attuate correttamente, possono evitare interventi con le terapie descritte nelle altre pagine. Questo è infatti il messaggio più importante che vogliamo dare ai pazienti: visite di controllo ogni 6 mesi di denti, gengive e mucose orali. Le visite di controllo costanti permettono appunto di intercettare eventuali piccole problematiche, che difficilmente il paziente può soggettivamente percepire. L'igiene orale professionale periodica, come quella quotidiana domiciliare, ha un'importante ruolo nella prevenzione stomatologica, nell'ottica di mantenere la propria bocca in una situazione ottimale. La visita di controllo è ancora più importante per i portatori di protesi, siano esse fisse, mobili, combinate o su impianti. Una corretta manutenzione domiciliare ed un controllo delle stesse da parte del professionista che le ha realizzate, permette infatti una più lunga durata nel tempo e qualunque piccola alterazione può essere facilmente intercettata dal dentista e immediatamente recuperata. Per i bimbi, oltre che le visite di controllo, a partire dai 3-4 anni, per prevenire la carie è anche consigliabile la sigillatura dei solchi, che solitamente si effettua a 6 e 11 anni, così come la fluorizzazione. Non dimenticate quindi di prendere un appuntamento per un semplice e veloce controllo semestrale, di denti, gengive e mucose orali, anche se Vi trovate in una condizione di assenza di dolore, in quanto tale condizione non esclude la presenza di una patologia.

L'igiene orale
L'igiene orale consiste nell'eliminazione della placca batterica in eccesso presente sui denti e gengive che , se si solidifica, viene denominata tartaro. Per questa eliminazione ci si avvale di strumenti ad ultrasuoni o di strumenti manuali denominati curette, solitamente utilizzate per un'igiene più profonda sottogengivale. L'igiene orale è eseguita dal dentista o dall'igienista dentale e, di media, è consigliabile farla ogni 6 mesi con la scadenza della visita periodica di controllo e, comunque, la frequenza varia da paziente a paziente e dipende dall'igiene domiciliare quotidiana.

Igiene orale domiciliare
Il risultato di una corretta igiene orale è una bocca sana e gradevole. I denti sono puliti e privi di residui di cibo negli spazi interdentali. Le gengive sono di colore rosa, non sanguinano e non fanno male quando laviamo i denti. L'alitosi non è solitamente un problema costante. Se le gengive vi fanno male o sanguinano quando vi lavate i denti, o usando il filo interdentale, o se soffrite di alitosi costantemente, è opportuna una visita dal dentista. Ognuno di questi sintomi infatti indica un problema. Il dentista può mostrarvi le tecniche per realizzare una corretta igiene orale e può aiutarvi ad identificare le aree della bocca più bisognose di attenzione durante il lavaggio e l'uso del filo interdentale.
Le gengive sane hanno un colorito roseo e un aspetto a buccia d'arancia, non sanguinano durante lo spazzolamento o il passaggio di filo interdentale; le gengive malate invece si presentano gonfie ed arrossate e possono sanguinare durante la pulizia dei denti.
Il tempo di spazzolamento spesso viene clamorosamente trascurato; la letteratura in proposito consiglia di non scendere al di sotto dei 4 minuti.
La tecnica meccanica standard prevede prevede di sistemare le setole a 45 gradi lungo il bordo gengivale. Spazzolare con garbo la superficie esterna di 2-3 denti con movimenti dalla gengiva al dente, o, per ricordare, dal rosso al bianco. Spostare lo spazzolino sul gruppetto di denti successivo e ripetere la procedura. Sempre mantenendo la stessa inclinazione dello spazzolino, spazzolare le superfici interne dei denti. Inclinare verticalmente lo spazzolino dietro i denti anteriori. Passare la metà anteriore dello spazzolino più volte, con movimento ascendente e discendente. Sistemare lo spazzolino nella superficie di morsicatura dei denti ed adottare un movimento in avanti e indietro, strofinando con garbo.

Spazzolino elettrico: si o no?
Amato da molti pazienti, convinti della sua maggior efficacia, risulta, nell'esperienza di autorevoli parodontologi, deludente. Questo perchè, credendo nelle sue migliori performances, il tempo di impiego da parte del paziente è spesso ridotto. Infatti l'efficacia dello spazzolino elettrico è indiscussa, a patto che venga abbinato allo spazzolino manuale. Ricordiamo sempre l'importanza della sostituzione dello spazzolino ogni 2-3 mesi, sia per quello manuale che per quello elettrico.
L'idrogetto, o idropropulsore è anch'esso apprezzato da un certo numero di pazienti. Anch'esso è un presidio utile ma non certo risolutivo: non toglie la placca per intenderci, e non andrebbe mai usato alla massima potenza. Resta comunque un accessorio valido se impiegato in aggiunta al manuale, come per lo spazzolino elettrico.

Il filo interdentale
E' un piccolo nastro costituito da un insieme di sottili filamenti di plastica (nylon, teflon, polietilene) usato per rimuovere i frammenti di cibo e la placca batterica dai denti, in posizioni che lo spazzolino non riesce a raggiungere. E' un'ottimo strumento per l'igiene orale e visto che elimina oltre il 50% dei residui e della placca, conferisce un notevole aiuto nella prevenzione di carie, alitosi, tartaro, gengivite e parodontite.
Come usarlo?

Per rimuovere efficacemente la placca dai denti è necessario utilizzare la tecnica corretta.
Prima di utilizzare il filo interdentale lava le mani, dovrai mettere le dita in bocca.

Ecco i passaggi da seguire:

-Utilizza una quantità di filo sufficiente. Strappa un pezzo di circa 45 cm, sembrano molti, ma è preferibile utilizzare una parte di filo pulita quando si passa da un dente all'altro. Avvolgi la maggior parte del filo attorno all'indice o al medio di una mano (come preferisci), e una piccola parte attorno all'indice o al medio dell'altra mano (se utilizzi il medio l'indice rimarrà libero, consentendoti di manipolare il filo).
-Passa il filo tra i denti: fallo scorrere con un movimento a zigzag, senza inserirlo a forza negli interstizi. Realizza una forma a “C” . Avvolgi il filo attorno ad ogni dente in una forma a C , quindi allontana delicatamente il filo dalla linea gengivale fino all'estremità del dente.
-Srotola e arrotola: Quando passi da un dente all'altro, srotola un pezzo di filo pulito da una delle due mani, allo stesso tempo arrotola il filo utilizzato nell'altra mano. -Pulisci entrambi i lati. Non dimenticare di passare il filo in corrispondenza della superficie posteriore di ciascun dente.

Se la tecnica utilizzata è corretta, la scelta del filo interdentale da usare diventa solo una questione di gusti personali. Esistono svariati tipi di filo interdentale tra i quali scegliere.
L'uso della tecnica corretta contribuirà a rimuovere le particelle di cibo in eccesso e gli accumuli di placca tra un dente e l'altro, aiutando a migliorare la salute della bocca.

Collutorio
E' un prodotto antisettico e antiplacca utilizzato per l'igiene orale, che sostiene aiuti nella prevenzione di carie, gengiviti e alito cattivo.
Il collutorio non sostituisce la normale igiene orale.
E' fondamentale ricordare che nessun collutorio è in grado di sostituire la normale igiene orale che preveda l'uso dello spazzolino e del filo interdentale. Quindi anche se il tuo dentista ti ha raccomandato o prescritto l'uso del collutorio, dovrai comunque seguire la consueta routine di igiene orale per mantenere i tuoi denti in buona salute.

L'importanza della giusta quantità
Per avere la certezza di usare la giusta quantità di collutorio, puoi servirti di un dosatore; ciascun dosatore, infatti, eroga una piccola quantità di prodotto, per garantire che non sia eccessiva (accorgimento particolarmente utile, ad esempio, se si sorveglia un bambino che usa il collutorio), e consente inoltre di evitare di sprecare o rovesciare il prodotto.

Diluire se necessario
Indipendentemente dalla marca del collutorio scelto, leggere sempre l'etichetta. I diversi prodotti hanno concentrazioni diverse, e per alcuni potrebbe essere necessaria la diluizione con acqua.

L'importanza fattore-tempo
Uno dei segreti per un uso corretto del collutorio è risciacquare la bocca per il tempo raccomandato. Bisogna fare sempre riferimento all'etichetta del prodotto. In generale si raccomanda di risciacquare per 30-60 secondi, quindi sputare.