Pedodonzia

Iniziamo per gioco ad aiutarli a crescere sani

Innanzitutto prevenzione nei piccoli pazienti ma, ove necessario, cure precoci con strumenti e materiali adatti. Il piccolo paziente necessita di essere attentamente e continuamente seguito nella sua crescita con visite periodiche ravvicinate, anche ogni 4/6 mesi , per intercettare il più precocemente possibile eventuali problemi.
Il primo approccio col dentista dovrebbe avvenire intorno ai 4 anni, quando i bambini hanno già una buona capacità di comprensione e di collaborazione e non conoscono ancora il mal di denti.
E' proprio a quest'età che aiutiamo a sostenere i genitori nella prevenzione con interventi innocui di profilassi (sigillature dei solchi, applicazione di fluoro) ed educazione alla salute orale (alimentazione, tecniche di spazzolamento). La terapia conservativa della dentatura decidua è estremamente importante perchè, anche se i denti da latte verranno sostituiti, è fondamentale che restino sani e in bocca fino all'età corretta di permuta, al fine di favorire un armonioso e regolare sviluppo della dentatura permanente.

La pedodonzia è la cura dei denti dei bambini, i denti da latte si cariano come quelli permanenti e la loro cura è necessaria per favorire uno sviluppo armonico della dentatura definitiva oltre che a contribuire allo sviluppo dell'autostima. Un'attenzione particolare in questa fase dello sviluppo evita fastidi, dolori e spese nella vita adulta. E' raccomandabile far eseguire la prima visita dal dentista intorno ai 3-4 anni al fine di familiarizzare con il dentista e il suo ambiente, infatti un approccio in urgenza e dolore rende quasi impossibile un rapporto positivo.
E' necessario insegnare al bambino piccolo l'uso dello spazzolino e del dentifricio tre volte al giorno, gratificando il suo impegno con rinforzi positivi. Lo spazzolino deve essere con setole morbide e soprattutto con testina di dimensione adeguata all'età, e va sostituito ogni 2-3 mesi. E' importante anche una corretta ed equilibrata alimentazione che fornisca un giusto apporto di principi alimentari e un'assunzione di fluoro fin dai primi mesi di vita. Solitamente a sei anni erompono i primi molari permanenti ed è estremamente importante mantenerli sani per una crescita equilibrata della bocca.
Per prevenire la carie si può ricorrere alla sigillatura dei solchi, che consiste nell'applicazione di specifiche resine protettive sui solchi stessi. Altro metodo è la fluorizzazione, cioè un'applicazione di gel a base di fluoro. Entrambi i trattamenti si eseguono nello studio odontoiatrico a discrezione dell'odontoiatra qualora riscontri particolari fattori di rischio.
La perdita prematura di un dente da latte comporta la migrazione/spostamento dei denti vicini che vanno ad occupare il suo spazio impedendo al dente permanente di erompere correttamente. In questi casi deve essere applicato un dispositivo specifico chiamato mantenitore di spazio.

La carie dei bambini
L carie è una patologia che interessa sia i denti da latte che i denti permanenti e, soprattutto quando interessa strati profondi del dente, provoca sindromi dolorose sia negli adulti che nei bambini.
E' fondamentale prevenire la carie nei bambini limitando l'uso degli zuccheri e delle bevande zuccherate, lavando i denti tre volte al giorno ed evitando di consumare cibi o bevande dopo il lavaggio serale.
Nel momento in cui ci si accorge della presenza di una carie nella bocca del bimbo, deve essere subito curata o quantomeno intercettata e controllata , perchè i denti da latte DEVONO rimanere nella cavità orale per tutto il loro percorso, in quanto è basilare che mantengano la loro posizione in bocca fino a quando non eromperanno i rispettivi denti definitivi. Solo in questa maniera potrà avvenire una permuta regolare ed ordinata, diminuendo i rischi di malocclusione e affollamento precoce.

La sigillatura
Consiste nell'appliccare una pellicola protettiva di materiale composito sui solchi profondi dei denti posteriori masticanti. Solitamente si consiglia la sigillatura dei primi molari definitivi che erompono a 6 anni, ma si possono sigillare anche i molaretti da latte,i premolari definitivi e qualsiasi altro dente se un soggetto è particolarmente cariorecettivo. Queste sostanze proteggono le superfici masticanti dei denti posteriori, frequentemente soggette nei bambini a carie dentale per vari motivi: i bambini a 6 anni hanno scarsa manualità nel lavare i denti, i molari inoltre, sono più difficoltosi da detergere bene sia per la loro posizione, sia perchè i solchi di questi denti appena erotti sono molto profondi.
L'applicazione di queste sostanze è veloce, indolore ed è un ottimo modo per approciare un bambino alle cure odontoiatriche. Il costo è di gran lunga inferiore alla cura di un dente e soprattutto evita la carie. Tutti i bambini possono trarre giovamento dalla sigillatura, anche chi non ha mai avuto carie e già effettua prevenzione col fluoro.
La sigillatura è diventata oggi un'arma indispensabile nella lotta contro la carie, ma è molto importante che venga effettuata precocemente, in particolare subito dopo l'eruzione del dente permanente, altrimenti potrebbe essere troppo tardi. A volte i molari permanenti sono già cariati prima ancora della completa eruzione, questo perchè cibo e placca si annidano tra la gengiva ancora non perfettamente riassorbita e la corona del dente in eruzione.
Durante le varie settimane che il dente impiega ad erompere completamente, se i genitori non aiutano il bambino a pulire perfettamente questo dente, succede spesso che si formi la carie. Solitamente ci si accorge dell'eruzione degli incisivi permanenti perchè compaiono dopo la perdita del dente corrispondente, mentre i primi molari erompono in bocca senza la perdita di denti decidui, subito dietro gli ultimi molaretti da latte, sia nella mandibola che nella mascella.

Quanto durano le sigillature?
Questo è un punto molto importante perchè i sigillanti devono essere periodicamente controllati in quanto la loro rottura accidentale e/o usura, talvolta, crea uno scalino che anziché favorire lo scivolamento dei batteri e dei residui alimentari lo ostacola. I recenti materiali sono migliorati rispetto alle prime formulazioni perchè consentono spessori molto ridotti ed un'usura per così dire controllata che evita lo scheggiarsi del sigillante. Ad ogni modo la durata media di una sigillatura è un anno e mezzo/due anni ed avendo costi limitati è sempre possibile ripeterla quando necessario.