Conservativa

E' la disciplina odontoiatrica che ci permette di curare la patologia infettiva più frequente al mondo: la carie dentale.

L'odontoiatria conservativa moderna è basata sul principio di minima invasività, con la rimozione del solo tessuto cariato e la sua sostituzione con un materiale da restauro, che viene legato direttamente al tessuto sano.
I materiali più all'avanguardia, dal punto di vista della composizione e del risultato estetico , per la conservativa sono i compositi dentali; si tratta di una varietà di materiali composti da una matrice resinosa organica, nella quale vengono inglobate nano/micro particelle fatte di vetro-silicato. Il composito è una pasta bianca che viene inserita nel dente dopo la rimozione della carie e la disinfezione della superficie. Questo materiale viene attaccato al dente con particolari tecniche adesive.

La conservativa si divide in due grandi gruppi:
-conservativa diretta: eseguita dall'odontoiatra modellando il composito direttamente sul dente ed illuminandolo con una speciale lampada per farlo diventare solido.
-conservativa indiretta: si avvale di dispositivi prodotti dal laboratorio odontotecnico chiamati intarsi, poi inseriti nel dente precedentemente lavorato dall'odontoiatra con sofisticate tecniche di adesione.

La scelta tra le due tecniche è data dalla dimensione della parte di dente da ricostruire.

Nelle carie profonde vi può essere un interessamento della polpa del dente, contenente anche le fibre nervose, e allora si ricorre alla cura canalare detta anche devitalizzazione.

Nel nostro studio eseguiamo la rimozione delle otturazioni in amalgama d'argento, nella cui asportazione applichiamo i più severi protocolli nel rispetto delle persone e dell'ambiente.